Notaintegrativa informazioni preliminari di carattere generale



Yüklə 199,5 Kb.
tarix01.08.2017
ölçüsü199,5 Kb.




N O T A I N T E G R A T I V A

INFORMAZIONI PRELIMINARI DI CARATTERE GENERALE

Il bilancio della Società per la Gestione del Patto Territoriale Costa d’Amalfi S.r.l”, denominata “Sviluppo Costa D’Amalfi S.r.l.”, relativo all'esercizio chiuso  al  31.12.2012,  costituito  dallo   Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa, è stato redatto dall’Amministratore Unico al fine di rappresentare all’Assemblea la situazione patrimoniale e finanziaria, nonché il risultato economico dell’esercizio.

Sono stati osservati i criteri previsti dalla normativa civilistica vigente, i principi contabili enunciati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e le indicazioni dell’Organismo Italiano di Contabilità in tema di redazione del bilancio di esercizio.

Le voci del bilancio corrispondono alle risultanze delle scritture contabili.

Il  Bilancio è stato redatto in  forma  abbreviata così come previsto dall'art. 2435-bis del Codice Civile.

Nella  presente  nota sono state esposte le informazioni  richieste dai nn. 3 e 4 dell'art. 2428 del C.C.

Il Bilancio è corredato da una relazione, predisposta dall’Amministratore Unico, che evidenzia le attività poste in essere nel corso dell’esercizio e lo stato dell’arte del Patto Formativo Locale e dei Patti Territoriali di cui la Sviluppo Costa d’Amalfi è “Soggetto Responsabile”.

Per ogni voce dello stato patrimoniale e del conto economico è stato indicato l'importo della voce corrispondente alla situazione contabile al 31/12/2011 e a quella al 31/12/2012, ai fini del raffronto disposto dal comma 5 dell'art. 2423-ter Codice Civile.

Il bilancio è redatto in Euro ed i valori in esso esposti sono stati arrotondati alle unità di Euro, così come previsto al comma 5 dell’art. 2423 C.C. .

Si evidenzia che la Società, quale “Soggetto Responsabile” dei patti territoriali “Costa d’Amalfi” (Decreto del Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica n. 2435 del 01/03/2001) e “Monti Lattari” (Decreto del Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica n. 208 del 14/05/2002), ha proseguito le attività nel rispetto delle direttive ministeriali con riguardo alle proroghe concesse alle aziende beneficiarie, nonché degli inevitabili slittamenti susseguenti alle sospensioni che alcune iniziative oggetto di finanziamento pubblico hanno richiesto ed ottenuto dal Ministero.

Nel corso dell’esercizio 2012 l’Amministratore ha partecipato ad una riunione dei soci di parte pubblica (enti locali) al fine di verificare la possibilità, in virtù delle nuove disposizioni di legge in materia di società partecipate dagli enti pubblici, di proseguire le attività sociali e di individuare eventuali nuove attività d’interesse pubblico che la società potrebbe esercitare in futuro per il fatto che la gestione dei patti territoriali è in fase conclusiva e non sono previsti ricavi o contributi a fronte di tali residue attività. I soci a tal proposito hanno manifestato l’interesse a mantenere in vita la società, in quanto sussistono i presupposti di legge, e invitato l’amministratore ad individuare e programmare una soluzione di uscita degli altri enti e soggetti pubblici e privati in modo che la compagine possa raccogliere solo i soci enti locali. Ciò consente di procedere alla redazione del bilancio prospettando la continuazione delle attività sociali anche per l’anno corrente.

Il bilancio al 31.12.2012 evidenzia una perdita di € 17.714 ed il netto patrimoniale residuo è pari a € 78.126, con un decremento del patrimonio di € 17.714 rispetto a quello risultante al termine dell’esercizio precedente.

Dal punto di vista finanziario la società è in sostanziale equilibrio. L’incasso a fine 2011 del residuo contributo globale ha consentito, ad inizio 2012, il pagamento dei debiti pregressi maturati in favore della struttura tecnica, dei professionisti, dei componenti gli organi sociali e degli altri fornitori.

CRITERI APPLICATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DEL BILANCIO.

Preliminarmente si evidenzia che non sono state effettuate deroghe ai sensi del comma 4 dell’art. 2423 Codice Civile.

Si è ritenuto dover procedere alle valutazioni delle voci del bilancio secondo la prospettiva della continuità aziendale, atteso che, come in premessa evidenziato, i soci di maggioranza hanno manifestato la volontà di proseguire nelle attività sociali, non potendo arrestare le procedure riguardanti i patti territoriali per i quali la società è “soggetto responsabile” e quelle riguardanti il “Patto Formativo Locale Sorrentino Amalfitano” ancora in corso di esecuzione. Per il PFL la società deve ancora incassare i contributi regionali per la quota del 40% del SAL, già rendicontato e corrispondente ad € 18.820. Detto importo è stato anticipato dalla società, istituendo apposito conto corrente dedicato - presso la Banca della Campania Agenzia di Cava dei Tirreni - sul quale è stata versata la somma al fine di procedere al pagamento dei fornitori e dei professionisti impegnati nel progetto e per i quali si è reso possibile rendicontare il costo alla Regione. Il recupero dell’anticipazione è previsto entro il corrente anno, mentre ulteriori stati d’avanzamento saranno rendicontabili in futuro.

Crediti v/soci per vers. dovuti: la valutazione è avvenuta al valore nominale. Non risultano quote residue da richiamare essendo state interamente versate dai soci.

Immobilizzazioni immateriali: la valutazione è avvenuta sulla base dei costi di acquisto e, tenuto conto della loro utilità futura, sono state ammortizzate nel modo seguente:


  • Spese di impianto (notarili) ammortizzate per 1/3 nell’esercizio.

Immobilizzazioni materiali: la valutazione è avvenuta sulla base dei costi di acquisto e tenuto conto della residua possibilità di utilizzazione dei beni medesimi, applicando le seguenti aliquote d’ammortamento:

  • Hardware (€ 18.728) interamente ammortizzati negli esercizi precedenti;

  • Mobili e arredi (€ 2.055) interamente ammortizzati negli esercizi precedenti;

  • Macchine d’ufficio (€ 1.680) interamente ammortizzate negli esercizi precedenti;

  • Altri beni materiali (€ 1.549) interamente ammortizzati negli esercizi precedenti. Trattasi di beni di modesto valore unitario (telefono, fax, stampante, scaldabagno per ufficio, cassetta postale) la cui funzionalità si è ridotta o addirittura esaurita nel corso degli anni.

Le aliquote sopra indicate rispecchiano quelle previste dalla normativa fiscale vigente. Difatti, sono state adottate le aliquote ordinarie di cui al D.M. 31/12/1988 che, nel caso di specie, consentono il rispetto della normativa di cui al punto 2 dell’art. 2426 codice civile.

La  valutazione delle immobilizzazioni è avvenuta con criteri contabili costanti e conformi ai principi di  redazione del bilancio ex art.2423-bis e di valutazione ex art. 2426 Codice Civile.



Crediti: sono  iscritti  in  bilancio  secondo  il valore del loro presumibile realizzo.

I crediti esigibili nell’esercizio successivo sono costituiti da :



  • Regione Campania c/fatture da emettere (contributi PFL) € 18.820

  • Crediti v/Enti locali per opere infrastrutturali € 10.195

  • Crediti v/Erario per ritenute subite e crediti d’imposta € 9.013

  • Crediti v/Erario per Iva € 11.904

  • Debitori diversi € 64

Disponibilità liquide: sono state valutate al valore nominale e sono costituite dal saldo disponibile (€ 39.148) dei c/c bancari tenuti presso la Banca della Campania – Filiale di Cava dei Tirreni - e per la differenza di € 217 della cassa contanti.

Debiti:  la  determinazione è avvenuta sulla  base del presumibile valore di estinzione.

I debiti estinguibili nell’esercizio successivo sono costituiti da :



  • Debiti v/fornitori € 1.984

  • Debiti v/fornitori per fatture da ricevere € 11.469

  • Debiti v/Enti previd. e assistenziali € 133

  • Debiti tributari € 29

  • Debiti vari € 200

Ratei e risconti: la rilevazione è avvenuta in base al criterio temporale, tenendo conto dei proventi e degli oneri di competenza dell’esercizio 2012 indipendentemente dalla data dell’incasso o del pagamento. Essi sono considerati, pertanto, come valori comuni a due o più esercizi.

MISURA E MOTIVAZIONE DELLE RIDUZIONI DI VALORE APPLICATE ALLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI.

Non sono state effettuate riduzioni di valore alle immobilizzazioni materiali ed immateriali rispetto ai valori contabilizzati negli esercizi precedenti.

VARIAZIONI INTERVENUTE NELLA CONSISTENZA DELLE VOCI DELL'ATTIVO E DEL PASSIVO.

Immobilizzazioni immateriali. La voce si è così movimentata:

  Costo storico 7.561

Incrementi + 0

Fondo amm. iniz. - 3.121

  Ammort. e sval. - 1.860

  Saldo finale 2.580

Immobilizzazioni materiali. La voce si è così movimentata:

  Costo storico 24.013

Incrementi + 0

Fondo amm. iniz. - 24.013

  Ammort. e sval. - 0

  Saldo finale 0

Crediti esigibili entro l'esercizio successivo. La voce  si è così movimentata:

  Saldo iniziale 44.771

  Incremento + 5.225

  Saldo finale 49.996

Disponibilità liquide :  variazione - 163.301. La variazione sostanziale è intervenuta a seguito del pagamento dei fornitori per servizi e forniture relative ad esercizi precedenti.

Ratei e risconti attivi : nessuna variazione.



Patrimonio netto. E’ indicato per un valore di € 78.126 e di seguito si rappresenta il dettaglio degli ultimi tre esercizi:

PATRIMONIO NETTO

31.12.2012

31.12.2011

31.12.2010

I

CAPITALE

45.632

45.632

45.632

II

RISERVA DA SOPRAPPREZZO AZIONI

0

0

0

III

RISERVA DA RIVALUTAZIONE

0

0

0

IV

RISERVA LEGALE

1.182

0

0

V

RISERVE STATUTARIE

0

0

0

VI

RISERVA PER AZIONI PROPRIE IN PORT.

0

0

0

VII

ALTRE RISERVE

49.026

26.589

106.762

VIII

UTILI (PERDITE) PORTATI A NUOVO

0

0

0

IX

UTILE (PERDITA) DEL PERIODO

-17714

23.618

-106.076

TOTALE

78.126

95.839

46.318













Le perdite dell’esercizio sono interamente ripianabili con le riserve disponibili.



Di seguito si riportano il prospetto dei movimenti del patrimonio netto e quello riguardante origine, utilizzabilità, distribuibilità e utilizzazione effettuata in esercizi precedenti:



PROSPETTO DEI MOVIMENTI DEL PATRIMONIO NETTO

(art.2427, n.4 codice civile)

VOCI

Capitale sociale

Riserva legale

Altre riserve

Utili (perdite) portati a nuovo

Risultato dell'esercizio

Totale

All'inizio dell'esercizio precedente (01/01/11)

45.632

0

106.762

0

-106.076

46.318

Destinazione del risultato dell'esercizio:

0

0

0

0

0

0

- Attribuzione di dividendi o utili

0

0

0

0

0

0

- Altre destinazioni

0

0

0

0

0

0

- Accantonamenti a riserve

0

0

0

0

0

0

Altre variazioni:

0

0

0

0

0

0

- Aumenti di capitale

0

0

0

0

0

0

- Costituzione di riserve per vers. soci

0

0

25.903

0

0

25.903

Copertura perdite pregresse

0

0

-106.076

0

106.076

0

Risultato dell'esercizio precedente

0

0

0

0

23.618

23.618

Alla chiusura dell'esercizio preced. (31/12/11)

45.632

0

26.589

0

23.618

95.839

Destinazione del risultato dell'esercizio:

0

0

0

0

0

0

- Attribuzione di dividendi o utili

0

0

0

0

0

0

- Altre destinazioni

0

0

0

0

0

0

- Accantonamenti a riserve

0

1.182

22.437

0

-23.618

1

Altre variazioni:

0

0

0

0

0

0

- Aumenti di capitale

0

0

0

0

0

0

- Costituzione di riserve per vers. soci

0

0

0

0

0

0

Copertura perdite pregresse

0

0

0

0

0

0

Risultato dell'esercizio

0

0

0

0

-17.714

-17.714

Alla chiusura dell'esercizio corrente (31/12/12)

45.632

1.182

49.026

0

-17.714

78.126



PROSPETTO RIGUARDANTE ORIGINE, UTILIZZABILITA', DISTRIBUIBILITA' E UTILIZZAZIONE EFFETTUATA IN ESERCIZI PRECEDENTI

(art.2427, n.7-BIS, codice civile)

NATURA/DESCRIZIONE

Importo

Possibilità di utilizzazione

Quota disponibile

Riepilogo delle utilizzazioni effettuate nei tre precedenti esercizi

Per copertura perdite

Per altre ragioni

Capitale

45.632

B

45.632

0

0

Riserve di capitale:

0



0

0

0

Riserva per azioni proprie

0



0

0

0

Riserva per azioni o quote società controllante

0



0

0

0

Riserva da soprapprezzo azioni

0



0

0

0

Riserva da conversione obbligazioni

0



0

0

0

Riserve di utili:

0



0

0

0

Riserva legale

1.182

A – B

1.182

0

0

Riserva per azioni proprie

0



0

0

0

Riserva da utili netti su cambi

0



0

0

0

Riserva dal valutaz. Partecipazioni al patr. netto

0



0

0

0

Riserve da deroghe ex c.4 art. 2423

0



0

0

0

Riserva straordinaria

49.026

A - B

49.026

0

0

Utili portati a nuovo (copertura perdita infrann.)

0



0

0

0

Utile dell'esercizio

-17.714

A - B

-17.714

0

0

TOTALE (al 31/12/2012)

78.126



78.126

0

0

Quota non distribuibile





78.126





Residua quota distribuibile





0























Legenda




NOTE: Tra le riserve sono state indicati anche i conferimenti di alcuni soci, incassati nel corso dell’esercizio 2010 per complessive € 25.903, a seguito di delibera di aumento del capitale che non ha poi avuto esecuzione per mancata sottoscrizione della maggioranza dei soci.

A: aumento di capitale




B: per copertura perdite




C: per distribuzione ai soci




Debiti  esigibili entro l'esercizio successivo.  La voce si è così movimentata:

  Saldo iniziale 156.038

  Decremento - 142.223

  Saldo finale 13.815

INFORMAZIONI SULLE VOCI DI CONTO ECONOMICO.

La Società non ha realizzato ricavi di competenza nell’esercizio.

I costi della produzione vengono di seguito analiticamente rappresentati.



Costi per mat. prime, suss., di consumo (€ 21):

- Cancelleria e stampati Euro 21



Costi per servizi (€ 13.561):

- Oneri previdenziali Euro 537

- Utenze e servizi vari Euro 893

- Cons. amm.ve contabili Euro 6.240

- Consulenze legali Euro 1.610

- Compenso revisore contabile Euro 2.080

- Spese postali Euro 589

- Commissioni e spese bancarie Euro 114

- Altri costi per servizi (PFL) Euro 1.498

Ammortamenti e svalutazioni (€ 1.860):

- Ammortamento spese d’impianto (notarili) Euro 1.860



Oneri diversi di gestione (€ 1.600):

- Spese bolli Euro 44

- Diritto camerali Euro 780

- Oneri tributari Euro 547

- Oneri e spese amm.ve varie Euro 229

I proventi finanziari (€ 142) sono costituiti da interessi attivi maturati sui c/c bancari della società.

Gli oneri finanziari sono costituiti da interessi passivi bancari per € 34.

I proventi straordinari (€ 471) sono costituiti da sopravvenienze attive rilevate per un minor debito Ires risultante a conguaglio delle imposte dovute per l’anno 2011.

Gli oneri straordinari (€ 1.251) derivano da sopravvenienze passive a seguito dell’accertamento di maggiori costi di competenza di esercizi precedenti e da sanzioni amministrative tributarie per € 285.

Non sono dovute imposte sul reddito dell’esercizio.



ELENCO DELLE PARTECIPAZIONI IN SOCIETÀ CONTROLLATE E COLLEGATE.

La  Società non ha posseduto né possiede partecipazioni in imprese controllate o collegate, né direttamente né indirettamente.



INFORMAZIONI  SUL  POSSESSO DI AZIONI PROPRIE O  DI SOCIETÀ CONTROLLANTI (ART.2824 N.3 E 4).

La  Società  non  possiede  azioni proprie o quote di società o enti controllanti, né ha acquistato o ha alienato azioni o quote nel corso dell’esercizio.

AMMONTARE DEGLI ONERI FINANZIARI PATRIMONIALIZZATI.

Nell’esercizio non è stata effettuata alcuna imputazione di oneri finanziari ai valori iscritti nell’attivo dello stato patrimoniale.

CRITERI SEGUITI NELLA GESTIONE SOCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI SCOPI STATUTARI.

Nell’anno 2012, con riferimento agli scopi statutari ed in esecuzione delle istruzioni ministeriali, l’attività sociale è stata improntata a favorire una rapida prosecuzione, nonché ultimazione, degli investimenti dei soggetti beneficiari oggetto di agevolazione. A fronte di tali attività si ribadisce che la società non ha ottenuto ulteriori quote di contributo globale rispetto a quelle maturate negli esercizi precedenti. Sono state poi svolte le attività nell’ambito del PFL Sorrentino-Amalfitano che sono tuttora in corso e per le quali, come innanzi precisato, non si è ancora ottenuto il pagamento del SAL del 40% di € 18.820. Non si è reso possibile iscrivere in bilancio, alla voce “ricavi della produzione”, le ulteriori quote di contributo regionale che saranno riconosciute a seguito di rendicontazione dei successivi SAL, in quanto non sono ancora certi i tempi di prosecuzione del progetto.

Per le ulteriori informazioni sulle attività svolte dalla società e sulle agevolazioni erogate alle imprese aderenti ai patti territoriali si fa rinvio alla relazione dell’A.U. che illustra l’andamento della gestione nel suo complesso e delle iniziative sociali.

Preme evidenziare che le spese generali di competenza dell’esercizio risultano nel complesso conformi ai limiti della spesa preventivata e decisamente contenute in relazione alle attività a cui è tenuta la società.

Ai sensi degli artt. 33 e ss. del D.Lgs. 196/2003 (Codice della Privacy) si segnala che sono stati assolti gli adempimenti in materia di privacy ed è stato redatto il Documento programmatico di sicurezza (DPS).

CONCLUSIONI

Il presente bilancio è proposto per l’approvazione ai Signori Soci.

Cava dei Tirreni, 1 marzo 2013.

L’Amministratore Unico

(dott.ssa Eugenia Apicella)




Sviluppo Costa d’Amalfi S.r.l.

Sede legale Piazza Roma 1 – 84013 Cava dei Tirreni (SA)

REA: SA322688 - e-mail: sviluppocostadamalfispa@tin.it

P.IVA 038117590650



Yüklə 199,5 Kb.

Dostları ilə paylaş:




Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©www.azkurs.org 2020
rəhbərliyinə müraciət

    Ana səhifə